Miniatura di partitura

Commenti di God Save the Queen Easy piano

Thanks for posting a review!

Ti piace questo brano?

Ti piace Cantorion?

Indietro Aggiungi commento

6 commenti

God Save the Queen Easy piano Rating: 4.33 out of 5 based on 6 reviews.
    • God save the Queen
      Un regime fascista
      Ci hanno fatto un deficiente
      H-Bomb potenziali

      God save the Queen
      Non è nessun essere umano
      Non c'è nessun futuro
      E sognare di Inghilterra

      Non essere informati di ciò che si desidera
      Non essere raccontato quello che ti serve
      Non c'è nessun futuro, nessun futuro
      Nessun futuro per te

      God save the Queen
      Noi facciamo sul serio, uomo
      Amiamo la nostra Regina
      Dio salva

      God save the Queen
      Perche ' i turisti sono soldi
      E nostra polena
      Non è quello che sembra

      Dio salvi la storia
      Dio salvi la tua pazza parata
      Oh Signore, Dio, abbi pietà
      Tutti i crimini sono pagati

      Quando non c'è nessun futuro, come può esserci peccato?
      Siamo i fiori nella pattumiera
      Siamo il veleno nella macchina umana
      Noi siamo il futuro, il tuo futuro

      God save the Queen
      Noi facciamo sul serio, uomo
      Amiamo la nostra Regina
      Dio salva

      God save the Queen
      Noi facciamo sul serio, uomo
      Non c'è nessun futuro
      E sognare di Inghilterra

      Nessun futuro, nessun futuro
      Nessun futuro per te
      Nessun futuro, nessun futuro
      Non c'è futuro per me

      Nessun futuro, nessun futuro
      Nessun futuro per te
      Nessun futuro, nessun futuro per te

    • Andy · 18 gennaio 2017
    • F.u.c.k questa canzone è una pace di s.h.i.t

    • F.u.c.k · 23 novembre 2014
    • Melodia noto a tutte le persone cywilizowanym in tutto il mondo

    • Richard · 11 giugno 2012
    • Penso che la canzone è abbastanza facile grazie avevo veramente bisogno!

    • elisa · 11 settembre 2011
    • Non ho, la lode solo critiche, mi è sempre piaciuta quella canzone. Grasias molti

    • marta cabrera · 28 luglio 2011